Urologia a Lecco e tecniche di trattamento calcolosi

L’urologia a Lecco si occupa delle problematiche che interessano l’apparato urinario. Molteplici sono le patologie che possono interessarlo, tra queste frequenti sono le calcolosi, ovvero la presenza di piccole masse formate da sali di calcio, magnesio o ammonio o, infine, da acido urico. Queste possono essere trattate con diverse tipologie di intervento in base a posizionamento, grandezza e composizione dei calcoli. Vedremo le principali tecniche.

Litotrissia in urologia a Lecco

La litotrissia extracorporea (ESWL) è di sicuro una delle tecniche preferite dai pazienti perché permette di eliminare i calcoli senza l’uso del bisturi, trattasi, infatti, di una tecnica mini invasiva basata sull’utilizzo di onde d’urto. Il paziente viene invitato a sdraiarsi su un lettino appoggiando un fianco su un cuscino pieno d’acqua.

Le onde d’urto sono generate dal litolitrore hanno l’obiettivo di frantumare i calcoli renali, tali frammenti saranno poi espulsi con le urine. Nei primi giorni seguenti l’intervento il paziente avrà urine non chiare con la possibilità che vi sia anche del sangue, il tutto però è normale come sono normali le coliche che potrebbero essere avvertite.

E’ sconsigliato procedere con questa tecnica quando i calcoli sono piuttosto grandi perché i frammenti generati dal litolitrore potrebbero essere di dimensioni tali da ostruire l’uretere. Ha maggiori effetti su calcoli non particolarmente duri, è sconsigliato in caso di calcoli di cistina o di ossalato monoidrato di calcio ed è sconsigliato se i calcoli si trovano in zone non facilmente accessibili. Ha il vantaggio di essere eseguito in regime ambulatoriale, non vi sono cicatrici e necessita di un blando sedativo.

Endourologia a Lecco

cure e diagnosi urologia a Lecco L’endourologia è la seconda tecnica utilizzabile per l’eliminazione dei calcoli, in questo caso lo strumento utilizzato è l’endoscopio che viene introdotto dalla schiena nel caso in cui i calcoli siano situati nei reni (nefroscopia), oppure mediante il meato urinario (ureteroscopia). Questa tecnica consente di individuare il calcolo, afferrarlo con delle pinze e rimuoverlo, in tutto grazie anche alla microtelecamera di cui è fornito l’endoscopio che permette al chirurgo una visuale perfetta dei tessuti.

Questo trattamento viene eseguito in anestesia generale o locale in base alle condizioni del paziente e alle discrezionalità medica, ha tempi di recupero piuttosto veloci. Non può essere utilizzato nel caso in cui i calcoli abbiano una dimensione superiore ai 5 mm di diametro, in tale evenienza gli stessi devono prima essere bombardati al fine di frammentarli (litotripsia intracorporea). Le tecniche di bombardamento possono essere diverse, cioè al laser, ad ultrasuoni, elettroidraulico.

Questa tipologia di intervento necessità di un breve ricovero. In alcuni casi di nefroscopia può essere applicato anche un piccolo catetere che consente in caso di necessità il deflusso delle urine.

Urologia a Lecco ed intervento a cielo aperto

L’intervento a cielo aperto per la calcolosi a Lecco è una procedura d’eccezione preferendosi, dove possibile, eseguire interventi mininvasivi. Questa tecnica è poco usata perché intervenire chirurgicamente sui reni porta alla perdita di parte della funzionalità.

Si esegue in anestesia generale e il calcolo viene manualmente eliminato, richiede un ricovero di circa una settimana. E’ eseguito prevalentemente su pazienti obesi, quando sono falliti altri trattamenti, se è necessario eseguire interventi concomitanti o vi sono anomalie anatomiche.